Antonio Macchia

Antonio Macchia, dopo il conseguimento della laurea nel 1992, con una tesi in Storia Contemporanea svolta presso la Cattedra del prof. Renzo De Felice (Facoltà di Scienze Politiche – Università “La Sapienza” di Roma), si è successivamente specializzato presso la LUISS – Guido Carli seguendo il Corso di preparazione alle Carriere Diplomatiche ed Internazionali, diretto dal prof. Pietro Pastorelli (1993-1994) ed il Corso in Storia dell’Ungheria nel XX secolo svolto dal prof. Federigo Argentieri presso l’Accademia di Ungheria sede di Roma (1994-1995). Nel 1997 ha anche conseguito il diploma in “Biblioteconomia ed archivistica” presso l’omonima scuola della Biblioteca Apostolica Vaticana. Nel periodo 1996 – 2001 ha perfezionato la conoscenza della lingua Russa seguendo i corsi dell’Istituto di Cultura e lingua Russa di Roma. Dal 1997 al 1999 ha svolto attività di ricerca come contrattista, presso il CeMiSS, sui temi dei “riflessi della questione del Kossovo per la sicurezza nell’area balcanica” (1997-1998) e sotto la direzione del prof. Federigo Argentieri, “L’Ucraina nuovo architrave della sicurezza europea” (1998-1999). Dal marzo 2001 al dicembre 2006 è stato responsabile dell’ufficio ricerca della LUSPIO di Roma ed ha collaborato con la cattedra di Storia dell’Europa Orientale della prof. Antonella Ercolani. Svolge attualmente attività di ricerca presso la medesima università ed è cultore della materia per le cattedre di Storia delle Relazioni internazionali (prof. Gianluigi Rossi e prof. Giuliano Caroli) e di Storia delle Istituzioni politiche (prof. Errico Cuozzo). Dal febbraio 2007 ha l’incarico di ordinare gli archivi del gruppo di Solidarność a Roma, conservati presso la sede della FAI – CISL.

Pubblicazioni (principali)

Monografie

  • Chiesa e Stato in Polonia durante il periodo comunista (1945-1989), Agrilavoro, Roma, 2006;

Saggi su libri

  • “Radici e fasi storiche dell’allargamento ad est dell’Unione europea”, in a cura di G. Paggi, “UE e PECO: impatto ambientale dell’allargamento”, Cacucci, Bari, 2004;
  • “La politica estera dell’UE alla prova dei Balcani e dell’Ucraina”, in a cura di E. Pfoestl, “La creazione di una zona di sicurezza e stabilità ai confini dell’Unione Europea”, Apes, Roma, 2007;
  • “L’Ucraina nuovo architrave della sicurezza europea”, sotto la direzione di F. Argentieri, Cemiss, Roma, 1999;

Saggi su riviste

  • “Alle origini del sindacato libero Solidarność e della dissoluzione del blocco sovietico” in OPINIONI, anno XVIII, numero 1, gennaio-aprile 2007, pp. 27-44;

Saggi in corso di stampa

  • “Solidarność e la fine della guerra fredda: il sostegno delle Organizzazioni Sindacali Internazionali e della Chiesa Cattolica al sindacalismo indipendente polacco (1975-1989)”, in a cura di A. Ercolani, “Ad est del Vaticano”, Rubettino, Soveria Mannelli;
  • “La dinastia Macedone e l’Italia (IX – X sec.), Prasvetno delo, Skopje;

Principali relazioni presentate a convegni sui temi della storia dell’Europa orientale

  • “Relatioship between Italy and Estonia durino the 20th century (1880-1940)” Tallin – Estonia, 25 giugno 1996 presso la Libera Università di studi Internazionali di Tallin;
  • “Cooperativismo fascista e collettivismo sovietico durante gli anni ‘30”, Roma – Libera Università degli Studi S. Pio V, 27 novembre 2003;
  • “La dinastia macedone e l’Italia nel quadro del rinnovamento del sistema istituzionale bizantino” (relazione svolta in lingua inglese) – Skopje – Rep. Macedonia, 7 dicembre 2005 presso l’Università “Cirillo e Metodio” di Skopje;
  • “Solidarność e la fine della guerra fredda” Roma – Libera Università degli Studi S. Pio V, 27 giugno 2006;
  • “Italian Trade Unions and Solidarność”, Lovanio – Belgio, 7-8 dicembre 2006, presso l’Università Cattolica di Lovanio (KUL);
  • “I rapporti politico-economici tra l’Unione Europea e la Russia: la crisi energetica”, Rappresentanza del Parlamento Europeo in Italia – Roma, 20 febbraio 2007. Il convegno è stato organizzato dall’AESI (Associazione Europea di Studi Internazionali) di cui Macchia ricopre la carica di Segretario Generale;

Author: admin

Share This Post On

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *