CONVEGNO ROMENO-ITALIANO DI STUDI STORICI

CONVEGNO ROMENO-ITALIANO DI STUDI STORICICONVEGNO ROMENO-ITALIANO DI STUDI STORICI
Italia e Romania tra XIX e XX secolo: relazioni, convergenze, contrasti.

Bucarest, venerdì 28 giugno 2013, ore 9.30
Prima sessione, ore 10.00, Facoltà di Storia, Università di Bucarest, bd. Regina Elisabeta 4 – 12
Saluti
Diego Brasioli, Ambasciatore d’Italia in Romania
Dan Berindei, Vicepresidente Accademia romena
Adrian Cioroianu, Preside della Facoltà di Storia – Università di Bucarest
Francesco Guida, Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche – Roma Tre – e del CeRISS
Ştefan Delureanu (Bucarest), Edgar Quinet ed Hermione Asachi Quinet trait-d’union tra la Francia, l’Italia e la Romania.
Raluca Tomi (Accademia romena – Istituto di storia N. Iorga), L’abolizionismo nel dibattito dei leader romeni e italiani (1830 – 1865).
Antonio D’Alessandri (Università Roma Tre), Mazzini e il dibattito su nazione e Stato durante l’esilio di romeni e ungheresi dopo il 1848.
Emanuela Costantini (Università di Perugia), Influenze europee nella costruzione della capitale: Bucarest nel XIX secolo.
Ana Sima (Università di Cluj), Roma vista da vicino. Impressioni e atteggiamenti degli studenti romeni che studiavano nella Città Eterna (seconda metà dell’Ottocento).
Ion Cârja (Università di Cluj), Preliminari di una storia da scrivere. Presenze italiane in Transilvania nella seconda metà Ottocento e inizio Novecento.
Seconda sessione, ore 15.30, Istituto italiano di cultura, alea Alexandru 41
Ion Bulei (Università di Bucarest), Il machiavellismo in Romania.
Alina Dorojan (Università Roma Tre – Università di Bucarest), L’assistenza dello Stato italiano riguardante una colonia agricola italiana di Romania (1889-1941).
Rudolf Dinu (Istituto romeno cultura e ricerca umanistica, Venezia – Università di Bucarest), I rapporti italo-romeni durante la crisi balcanica del 1912-1913.
Carmen Burcea (Accademia romena – Istituto di Scienze politiche e Relazioni internazionali), Alcuni contrasti italo-romeni nel campo della diplomazia culturale.
Francesco Guida (Università Roma Tre, direttore CeRISS), Italia e Romania a una svolta: 1944.
Alberto Basciani (Università Roma Tre), Le relazioni tra la Romania e l’Italia nel secondo dopoguerra.
Adrian Niculescu (Scuola nazionale di Scienze politiche e amministrative, Bucarest), “Scritti scelti”: pagine del collaborazionismo ceauşista in Italia negli anni Settanta-Ottanta.
Il convegno è organizzato in collaborazione con: l’Ambasciata d’Italia a Bucarest, l’Istituto Italiano di Cultura di Bucarest, la Facoltà di Storia dell’Università di Bucarest

Author: admin

Share This Post On

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *