La diplomazia del dialogo

Alessandro Salacon

La diplomazia del dialogo

Il dossier “Unione Sovietica” ha occupato la scrivania di tutti i ministri degli Esteri italiani dal dopoguerra no al crollo dell’Urss. Quali relazioni istituire con Mosca? Pur con tutti i distinguo, ogni governo della penisola dovette elaborare strategie per contrastarne le ingerenze, difendersi dalle sue minacce o collaborare con essa, nella cornice più ampia della competizione tra blocchi.
Nel decennio 1958-1968, con l’avvio della coesistenza pacifica e l’affermarsi della distensione, i governi italiani seppero portare avanti una politica estera creativa e originale, volta a collocare il paese in modo nuovo sugli scenari internazionali. Il dialogo con l’Urss fu uno degli elementi più innovativi del nuovo corso, che suscitò le attenzioni del Cremlino e diede avvio a una nuova fase dei rapporti bilaterali.
Questo volume ripercorre l’intreccio delle relazioni politiche, economiche, e culturali che si stabilirono tra Roma e Mosca, attraverso un’ampia documentazione, per lo più inedita, proveniente da archivi russi e italiani.Questo volume è stato realizzato con il sostegno dell’Archivio storico Eni

Alessandro Salacone
Alessandro Salacone è dottore di ricerca in Storia dell’Italia contemporanea, attualmente assegnista di ricerca presso l’Università “L’Orientale” di Napoli e collaboratore dell’Istituto di Storia mondiale presso l’Accademia delle Scienze della Federazione Russa. Autore di vari saggi sulle relazioni italo-sovietiche, per i nostri tipi ha curato (con F. Bettanin, M. Prozumenščikov, A. Roccucci) L’Italia vista dal Cremlino (2015).

viella.it

Author: Max

Share This Post On