L’eterna Guerra fredda

Martedì 26 marzo 2019, alle ore 9,00, presso l’Aula “Starace” del Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro” sarà presentato il volume di Fabio Bettanin Putin e il mondo che verrà (Viella 2018).

Saluti: prof. Giuseppe Moro, Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche

Introduce e coordina: prof. Luciano Monzali

Intervengono: Andrea Fratini, Federico Imperato, Rosario Milano, Emanuele Quarta, Giuseppe Spagnulo

«La Russia non è più divisa dal resto del mondo da una cortina di ferro e da molti anni ha cessato di essere un enigma. I tempi in cui la sua conoscenza era impresa intellettuale e politica affidata a una manciata di studiosi e all’opera dei servizi segreti fanno parte del passato, e non sarà la fortuna di recente goduta dalla formula della “nuova Guerra fredda” a riportarli indietro. Nonostante la crescita delle tensioni con i paesi occidentali, la Russia mantiene con il mondo esterno contatti culturali, politici ed economici che non sarà facile recidere. Anche se il suo sistema istituzionale ed economico non corrisponde agli standard di una compiuta e trasparente democrazia, il dibattito politico, le statistiche economiche, i sondaggi di opinione e l’informazione in generale sono sufficienti a formare una visione articolata e approfondita di quanto accade nel paese. Lo conferma il flusso ininterrotto di contributi mediatici, saggi, libri che in merito vengono pubblicati, in Russia e all’estero, e il vasto spettro di posizioni che rappresentano. Senza il loro apporto di conoscenza e riflessione questo lavoro sarebbe stato impossibile. Nata dalla reazione alle  opacità del periodo sovietico,  l’aspirazione a descrivere le trasformazioni in atto e i loro protagonisti ha spesso focalizzato l’attenzione sugli eventi correnti a scapito delle grandi narrative, e confinato la relazione con il passato alla ricerca di analogie decontestualizzate e ridotte a frammenti isolati, pronti a essere piegati alle esigenze politiche del momento. Per lo storico la tentazione di sfuggire all’insidia dello schiacciamento sul presente rivolgendosi ai fattori permanenti della Storia è, più che una tentazione, un dovere professionale»

(dall’Introduzione dell’autore)

Informazioni: rosario.milano@uniba.it; luciano.monzali@uniba.it

Author: Max

Share This Post On