L’ombra del kahal

L_ombra del KahalBiblioteca di storia moderna e contemporanea

L’ombra del kahal

Venerdì 28 febbraio 2014, alle ore 17.00

presso la Biblioteca di storia moderna e contemporanea, Palazzo Mattei di Giove (Via Michelangelo Caetani 32, Roma), verrà presentata l’opera L’ombra del kahal. Immaginario antisemita nella Russia dell’Ottocento di Alessandro Cifariello, Viella, 2013. Intervengono: Cesare De Michelis, Maria Ferretti, Anna Foa. Coordina: Nicoletta Marcialis.

Russia, seconda metà dell’Ottocento. La questione ebraica diviene argomento di dibattito pubblico sulle pagine di giornali e riviste. Brafman pubblica Il libro del Kahal, e scatena le fantasie più pericolose dei giudeofobi russi. Kahal, da termine indicante la forma di autogoverno delle comunità ebraiche dell’Europa orientale, acquisisce ora il significato di potenza occulta che, attraverso una cospirazione planetaria, attua il programma di dominazione del mondo, dirige la mano armata del nichilismo nel suo attacco all’Europa, e realizza il progetto di disgregazione fisica e morale dell’Impero russo.
A che punto si diffonde in Russia l’idea dell’esistenza di questo kahal segreto? Perché diviene una vera e propria fissazione per un numero crescente d’intellettuali, di letterati, di funzionari, di personalità di governo dell’Impero? In che modo, dunque, la giudeofobia, da sottotesto narrativo, diviene un’accusa reale capace di scatenare terribili pogrom antiebraici?
Nel presente saggio l’autore risponde a queste così come ad altre domande esaminando la preistoria dei Protocolli dei Savi di Sion, quel testo che, come scriveva Rollin nel 1939, sarebbe divenuto il più diffuso nel mondo dopo la Bibbia. Collocandosi nel panorama dei saggi sull’origine culturale dei Protocolli in un ambiente russofono, L’ombra del kahal si scosta dai lavori più noti sull’argomento, perché analizza quelle opere letterarie minori, ma a larga diffusione, che presentano la menzogna come fosse il disvelamento ultimo della realtà, fomentando violenza e disprezzo nei confronti degli ebrei. Questa particolare atmosfera culturale alimenta e legittima le politiche e le pratiche discriminatorie che colpiscono duramente la popolazione ebraica dell’Impero zarista, in cui sul volger del secolo vive la più importante comunità ebraica d’Europa, con i suoi 5 milioni di anime.
L’ombra del kahal è, dunque, una profonda analisi letteraria sulle origini, tra storia e mito, dell’antisemitismo russo.

Alessandro Cifariello, dottore di ricerca in Slavistica, insegna Lingua, letteratura e cultura russa presso l’Università di Bari. Ha curato la pubblicazione di Percorsi della Memoria (2007) e Padri e figli (2010).

Cesare G. De Michelis insegna Letteratura russa all’Università di Roma Tor Vergata.

Maria Ferretti insegna Storia contemporanea all’Università della Tuscia.

Anna Foa insegna Storia moderna alla Sapienza Università di Roma.

Nicoletta Marcialis insegna Filologia slava all’Università di Roma Tor Vergata.

Per informazioni: Biblioteca di storia moderna e contemporanea, e-mail b-stmo.info@beniculturali.it

Author: admin

Share This Post On

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *