Un mare stretto e amaro

Un mare stretto e amaroAngelantonio Spagnoletti

Un mare stretto e amaro
L’Adriatico, la Puglia e l’Albania (secc. XV-XVII)

 

L’Adriatico in età moderna è stato spesso visto nella sua dimensione veneziana e nei rapporti che la Serenissima intratteneva con le città dalmate e con l’Impero ottomano. Mentre Venezia regolava con la sua diplomazia e le sue flotte le relazioni con la Sublime Porta in quello che considerava il suo Golfo, nell’Adriatico meridionale e nelle zone litoranee pugliesi era in corso tra XV e XVII secolo una guerra fatta di continui sbarchi di turchi e corsari, provenienti dall’Albania, che mettevano a sacco città, masserie, monasteri e santuari.
Torri e castelli furono eretti per proteggere le città, il territorio fu militarizzato, la nobiltà feudale e quella urbana furono impegnate in operazioni di contenimento della minaccia turca. In tali frangenti l’Albania, soprattutto la parte rimasta cristiana, fu vista dalle autorità ispano-napoletane come un baluardo contro i turchi e la Chiesa si impegnò in azioni che miravano a rafforzare quelle popolazioni nella loro fede, nella convinzione che, prima o poi, esse si sarebbero ribellate ai loro dominatori.
Questo non avvenne, ma nei primi decenni del Novecento l’Italia unita, riscopertasi potenza adriatica, rivendicò un suo ruolo politico in Albania e nel 1939 riuscì a insediarsi nel paese delle aquile. Allora ritenne di aver vendicato gli «oltraggi» subiti dalle popolazioni rivierasche pugliesi negli anni ormai lontani che erano seguiti al sacco di Otranto (1480).

Angelantonio Spagnoletti insegna Storia moderna e Storia dell’Europa moderna presso l’Università degli studi di Bari «Aldo Moro». Tra le sue pubblicazioni ricordiamo, per il Mulino, Le dinastie italiane nella prima età moderna (2003), Il mondo moderno (2005) e Storia del Regno delle Due Sicilie (2008).

Viella

Author: admin

Share This Post On

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *