Democrazie illiberali?

11 giugno – alle ore 18.00

presso la Casa della Cultura di Milano (Via Borgogna, 3)

sarà presentato il libro di Jan Sawicki

Democrazie illiberali? L’Europa centro-orientale tra continuità apparente della forma di governo e mutazione possibile della forma di Stato (Franco Angeli, Milano, 2018).

Saranno presenti,

prof. Cristina Carpinelli (Centro Studi Problemi Internazionali)
prof. Alessandro Vitale (Università degli Studi di Milano)
Prof. Angela Di Gregorio (Università degli Studi di Milano).

A distanza di quasi tre decenni dalla “caduta del Muro di Berlino”, è opportuno fare un bilancio sui frutti della transizione alla democrazia, e dei relativi processi costituenti formali e sostanziali, negli ordinamenti già socialisti dell’Europa centro-orientale (compresi quelli appartenenti all’area ex-iugoslava). Si tratta di un gruppo di paesi tanto vasto quanto estremamente eterogeneo, che seguita ad essere accomunato per l’ancora recente passato socialista, ma di cui si trascurano le profonde differenze in merito sia al passato remoto sia alle modalità della stessa transizione. L’esame delle rispettive forme di governo, sia per quanto attiene alle prescrizioni formali sia con lo sguardo rivolto ad alcuni aspetti della loro attuazione anche nella prassi, mette in evidenza diversità che non erano prevedibili nelle tappe iniziali della transizione. In particolare, colpisce e merita attenzione lo sviluppo più recente della situazione in almeno due paesi, la Polonia e l’Ungheria, che sembra per qualche aspetto segnare un regresso rispetto ad alcune iniziali acquisizioni. La sorpresa è ancora più forte se si considera che si tratta di paesi che furono all’avanguardia del processo di democratizzazione nell’intera area fin dal 1989, forse gli ultimi dai quali ci si sarebbe attesi una svolta, frutto di un disegno sistematico, nel senso di una “democrazia illiberale”. L’impressione, da sottoporre a verifica, è peraltro quella di una svolta singolare e originale. Si possono rinvenire sintomi, non si sa quanto irreversibili, di mutamenti che arrivano a lambire la forma di stato, pur in presenza di una forma di governo in parte o in tutto inalterata.

Partecipate numerosi…..è un’occasione importante per comprendere una realtà complessa e composita che ci riguarda da vicino, tenuto conto che alcuni stati, oggetto di analisi nel libro, sono paesi-membri dell’Unione Europea.

Author: Max

Share This Post On