Momenti di storia Mitteleuropea

Momenti di storia Mitteleuropea

Gli incontri di questo ciclo si terranno nella Sala degli Affreschi della Biblioteca comunale di Trento (via Roma 55).

I incontro:  24 novembre 2010

Massimo Libardi,  L’apocalisse del moderno. Le trasformazioni culturale della Grande Guerra.

Organizzato dal Centro Studi sulla Storia dell’Europa Centrale, Momenti di storia Mitleuropea  è un ciclo di incontri in cui si intende raccontare, usando non solo fonti storiche ma anche letterarie, la Mitteleuropa, descrivendo dei momenti comuni alle culture e le comunità che la costituiscono e che superano la storia delle singole compagini statuali dello spazio mitteleuropeo.

Il periodo storico che viene preso in esame, e che va dalla Grande Guerra al 1989, può essere diviso in quattro momenti. Innanzitutto quel momento limite che è stato il 1914, che taglia in due, con una cesura non più ricucita, l’Europa. Lo scoppio della guerra è stato non solo il risultato di una crisi diplomatica, ma di una più vasta crisi culturale che ha trasformato prima l’attesa della guerra e poi il conflitto in una attesa millenaristica di redenzione. Questa guerra, inoltre, così diversa da tutte le precedenti, ha comportato l’irruzione delle masse sulla scena politica e ha aperto a prospettive messianiche che condurranno all’era dei totalitarismi.

Un secondo momento è rappresentato dal primo dopoguerra: i trattati successivi a Versailles determinano la distruzione degli imperi absburgico ed ottomano e la nascita degli stati centroeuropei (1918-1938). Due sono i casi presi in esame: la Repubblica di Weimar e l’Anschluß. Il periodo di Weimar si caratterizza per una forte instabilità politica ed economica, ma al tempo stesso vede una straordinaria fioritura culturale, che riguarda in particolare il teatro, il cinema e il cabaret. Un capitolo a parte è rappresentato dalle vicende dell’Austria, ridotta dai trattati, a un piccolo paese dall’identità incerta. Da qui l’Anschluß, e dopo la seconda guerra mondiale la “strana” autorappresentazione dell’Austria come paese “vittima”.

L’espansione a est della Germania nazionalsocialista (1939-1945) e lo scoppio del secondo conflitto bellico – il terzo momento che accumuna i paesi dell’area centroeuropea – trovano le proprie radici nell’alleanza tra i due totalitarismi, che ne rivela la faccia feroce e distruttiva.

Infine sono prese in considerazione le vicende successive alla fine della Seconda guerra mondiale, ovvero l’annessione dell’Europa centro-orientale nell’impero sovietico, che dura fino alla sua implosione (1945-1989). Le tappe significative di questa storia sono il 1956, il 1968 e poi il 1989.

L’intento del ciclo è metastorico: non si tratta solo o tanto di delineare la storia di quest’area, ma di ricostruirne il profilo attraverso i progetti e le concezioni che la hanno via via definita.

Programma degli incontri

Per ulteriori informazioni o iscrizioni, inviare una mail a info@csseo.org

Author: admin

Share This Post On

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *