Gli anni della distensione

Paolo Rago

Gli anni della distensione. Le relazioni italiano-albanesi nella fase centrale della Guerra fredda (Bari: Laterza, 2019).

Questo libro si concentra sui rapporti tra Italia e Albania negli anni
centrali della cosiddetta Guerra fredda. La definitiva composizione
di alcune essenziali questioni, quali la riparazione dei danni di guerra
e il rientro in patria degli italiani trattenuti in Albania al termine
del conflitto mondiale, aveva contribuito ad abbassare i toni del
confronto tra i due Paesi, allora ideologicamente contrapposti.
Il riavvicinamento intrapreso, seppur graduale, contrassegnò
l’inizio di una nuova fase politica e di un equilibrio più stabile nel
Mediterraneo centrale.
Gli studi raccolti analizzano questi anni di transizione, dal 1962
al 1978: dai tentativi messi in atto dall’Italia per aprire canali di
collaborazione con Tirana attraverso la costruzione di relazioni
culturali, al mutamento avvenuto, per effetto delle evoluzioni
politiche interne e internazionali, delle posizioni sostenute dal
Partito Comunista Italiano e dal Partito del Lavoro d’Albania; dalle
drammatiche persecuzioni religiose messe in atto in Albania nei
confronti delle fedi storicamente presenti nel Paese alla presenza in
Italia dei fuoriusciti anticomunisti albanesi.
Paolo Rago vive da oltre venticinque anni in Albania, dove ha lavorato
con la direzione generale della Cooperazione Italiana, l’UNICEF, la Banca
Mondiale e altre organizzazioni internazionali. A Tirana ha lavorato presso
l’ufficio stampa dell’ambasciata d’Italia e ha collaborato con l’Istituto Italiano
di Cultura. Nella stessa città è stato capo del dipartimento di Lingua italiana
presso l’università Nostra Signora del Buon Consiglio ed è membro del
board dell’università privata Marin Barleti. Ha curato la traduzione in lingua
albanese di opere di saggisti italiani ed è autore di testi di grammatica italiana
e di saggi sull’Albania. Per Laterza ha curato il precedente volume sullo stesso
tema, Una pace necessaria. I rapporti italiano-albanesi nella prima fase della
Guerra fredda (2017).

Author: Max

Share This Post On